Stampa questa pagina Aggiungi ai tuoi preferiti Condividi in Facebook Condividi in Twitter
A- A A+
Aggiornato Mercoledì, 5 Dicembre 2018 - 23:53



 

Di seguito una piccola selezione delle QSL di Pietro (I2RV):

questi contatti hanno un fascino particolare perché fatti per riflessione lunare (EME, earth-moon-earth).
Sembrerebbe impossibile solamente arrivare fino alla luna distante mediamente 380 mila chilometri e invece le onde radio riescono anche a tornare dopo essere state riflesse dalla sua superficie che non è proprio uno specchio per la RF anzi ne assorbe la maggior parte (il 93%) !

Si deve naturalmente usare un po di potenza ma sopratturro antenne ad altissimo guadagno (nella qsl di 8N1EME è raffigurata una parabola di 32m !!!) con la possibilità di puntamento oltre che in azimuth anche in elevazione.
Un'altro aspetto particolare di queste comunicazioni riguarda il fatto che il segnale impiega più di 2 secondi ad arrivare dalla stazione trasmittente a quella ricevente, un fenomeno molto più marcato rispetto a quello che tutti voi avrete sperimentato (specialmente in passato) facendo telefonate intercontinentali quando si utilizzavano ancora i satelliti, anche qui c'era un ritardo ma inferiore di circa 10 volte.
Fortunatamente quello del ritardo non è un grosso problema perché i collegamenti EME non vengono fatti in SSB ma con modulazioni molto meno esigenti in termini di rapporto segnale/rumore: una volta in CW e oggi in JT.

 

files/uploads/mondoDX/I2RV_DL6BF.JPGfiles/uploads/mondoDX/I2RV_8N1EME.JPG 

 

files/uploads/mondoDX/I2RV_EA5EMM.JPG

files/uploads/mondoDX/I2RV_G4AEP.JPG

files/uploads/mondoDX/I2RV_JH0MHE.JPG

files/uploads/mondoDX/I2RV_PA4EME.JPG

Quest'ultima QSL ha una ulteriore particolare caratteristica, si riferisce ad un collegamento fatto via "Meteor Scatter" ovvero sfuttando una riflessione non più lontana come la Luna ma altrettanto difficoltosa perchè la ritrasmissione del segnale viene fatta dagli sciami di meteoriti (ad esempio le Perseidi ad Agosto o le Geminidi in dicembre) che periodicamente passano vicino alla terra fino anche ad impattarla. Anche qui sembrerebbe impossibile sapere come puntare le antenne verso il cielo e sperare che il segnale torni verso la terra a migliaia di chilometri di distanza e invece si può fare !

files/uploads/mondoDX/I2RV_DJ9YE.JPG