Stampa questa pagina Aggiungi ai tuoi preferiti Condividi in Facebook Condividi in Twitter
A- A A+
Aggiornato Venerdì, 15 Marzo 2019 - 13:56



Filtro passa-basso per 144MHz EME di I5EUS Sergio

 

Presentazione di Adamo IK2SBB

Qualche mese fa ho trovato, fra "remembers" cartacei, un interessante e datato scritto riguardante un ottimo filtro passa basso per la gamma dei due metri. Tale filtro, se costruito in determinato modo e con materiali specifici, è in grado di sopportare potenze oltre il kilowatt.

Stante le ottime caratteristiche di attenuazione delle armoniche, nonché la bassissima attenuazione alla frequenza di lavoro e facilità di realizzazione, credo che ben figurerebbe nella bacheca dedicata all'autocostruzione.

Ovviamente, mi sono preso la briga di chiedere all'estensore del progetto, I5EUS Sergio, il consenso di poter pubblicare questo suo lavoro. Di seguito la sua risposta.

 

"Ciao Adamo, Ben risentito, con questo articolo mi riporti indietro nel tempo come minimo di 15 anni, e forse saranno pochi hi!, nessun problema da parte mia per la pubblicazione, in fin dei conti l'autore originale era AF9Y, io avevo solo rifatto il restyling del layout del filtro, ho ancora un prototipo funzionante in stazione anche se purtroppo causa poco tempo disponibile non faccio quasi più traffico in 144, però la stazione è sempre funzionante, mi manca un po' la spinta per buttarmi in nuove avventure radiantistiche ma purtroppo vedo che è un male comune.

Il Mario è un po' che non lo sento, spero di vederlo a febbraio per la mostra mercato dell'elettronica e radio che si svolge a due passi da casa mia a Marina di Carrara, comunque so che è sempre in pista, nell'articolo c'è solo un piccolo errore di ortografia nella terza riga dopo il titolo ( proggetto ) per il resto va bene così.

Ne approfitto per farti gli auguri , a presto.

73 de I5eus

Sergio"

Il progetto

 

Si è definito, metaforicamente parlando, EME il suddetto filtro solo perché è stato progettato per sopportare potenze applicabili di valore elevato, con bassa attenuazione alla frequenza di lavoro. Il proggetto é tratto da un articolo di AF9Y presumibilmente da HAM RADIO .

Le caratteristiche sono:

  • potenza applicabile 2000W a 144.000 MHz
  • attenuazione tipica 0.05 DB a 144.000 MHz
  • attenuazione tipica 40 DB a 400.000 MHz

Per potenza applicabile s’intende un filtro con adeguato dissipatore.

Il filtro è stato calcolato e ottimizzato con un CAD. E’ un Chebyshev a cinque poli con Q pari a 130 per gli induttori e 200 per le capacità. La parte meccanica consiste in un laminato teflon doppia faccia, con costante dielettrica 2.55 e spessore 1.6 mm, del tipo D-CLAD 527. La capacità di detto laminato é pari a 1.6 pF a cm2. Si è usato questo laminato in teflon per ottenere il Q necessario per i condensatori, ricavati su una faccia del laminato (lato componenti). Le dimensioni delle due piazzuole formanti i condensatori C1-C2 sono di 38.5 x 50.8 mm e la distanza fra esse è di 10mm.

Le dimensioni totali del laminato sono di 64 x 115 mm.

 
Schema elettrico del filtro
Schema elettrico del filtro

Gli induttori di ingresso ed uscita (L1-L3) sono costruiti su diametro di 8 mm e composti di due spire per una lunghezza di 5 mm, quello centrale (L2) è composto di quattro spire, sempre avvolte su mandrino da 8 mm, per una lunghezza totale dell’avvolgimento di 11 mm.

Il tutto è contenuto in una scatola prestagnata con dimensioni interne di 110 x 60 mm (Teko mod. 393). I connettori sono naturalmente di tipo N, possibilmente saldati (case) alla scatola. Il laminato deve essere saldato (entrambe le facce di massa) sul fondo del contenitore. Sopra i 100W è inprescindibile l’applicazione di un dissipatore a stretto contatto (pasta conduttiva) con la parte inferiore del laminato. Il filtro è reversibile.

Questo filtro è sicuramente la soluzione dei problemi di TVI dovute a emissione, quantunque non desiderate, di armoniche. In particolar modo se in gioco vi sono potenze elevate. E’ stato provato con successo il collegamento in serie di due filtri. L’attenuazione a 144.000 MHz è rimasta pressoché invariata (1), mentre è rilevante quella per le armoniche (50dB a 280 MHz).

Il filtro è facilmente replicabile e, con alcuni esemplari, si è arrivati ad ottenere attenuazioni dell’ordine di 0.03–0.035 a 144.000 MHz.

Ringrazio IW2BNA, I1ANP, IW5AVM, I5JUX per la parte bibliografica, I5YDI per i materiali ed I5XUZ per le analisi strumentali.

I5EUS - Sergio

(1) Si tenga presente che su 2000W di potenza e 0.5 dB di attenuazione sono dissipati 244W, mentre con 0.05 dB solamente 24W…