Stampa questa pagina Aggiungi ai tuoi preferiti Condividi in Facebook Condividi in Twitter
A- A A+
Aggiornato Mercoledì, 5 Giugno 2019 - 07:50



52° JOTA - 17-18 Ottobre 2009

 

Il 17 e 18 ottobre 2009 con la collaborazione del gruppo scout CNGEI di Cernusco abbiamo avuto la possibilità di partecipare al 52° JOTA (Jamboree On the Air), manifestazione annuale dove gli scout del mondo con l’ausilio dei radioamatori si incontrano via radio per scambiarsi saluti e informazioni.

Come radioamatori della sezione ARI di Cernusco siamo stati presenti per le varie operazioni: I2DKJ Moreno, I2XLF Nino, IN3OWY/2 Antonio, IZ2DAY Matteo, IK2CNV Ilario.

Per il gruppo scout : 3 Senior, 3 Capi della branca esploratori, alcune pattuglie (ragazzi e ragazze scout) a rotazione.

L’occasione è stata motivo di reciproco scambio di informazioni, favorendo la conoscenza delle diverse finalità associative.
Il gruppo scout oltre a metterci a disposizione la base presso il parco, ci ha assistito anche logisticamente con caffè e pranzo alla domenica.

La stazione radio era composta dal ricetrasmettitore per onde corte Yaesu ft 1000 con circa 200 watts e antenna windom. La potenza della radio e la dotazione a bordo dei vari filtri per migliorare l’audio ha permesso un ascolto sempre ottimale.

Affrontando questa attività senza eccedere nel pile-up abbiamo collegato 45 stazioni radio dalle seguenti nazioni:

ITALIA RUSSIA ISLANDA
GERMANIA ESTONIA FINLANDIA
PORTOGALLO TURCHIA SCOZIA
NORVEGIA SVEZIA GRAN BRETAGNA
CIPRO SVIZZERA SPAGNA

Alcune di queste stazioni avevano un nominativo speciale tipo II0JAM o IR9BP( Baden Powell - fondatore del movimento scout). 

I COLLEGAMENTI PIU’ INTERESSANTI:

  • OH3DF dal Circolo Polare Artico
  • CR6CNE dalla sede degli Scout Cattolici Portoghesi.

NOTE PARTICOLARI:

I segnali radio sono stati abbastanza costanti per tutto il tempo dell’attività grazie alla buona propagazione e al poco rumore presente nella banda principale usata ovvero quella dei 20 metri.

La base scout del CNGEI di Cernusco presso il “Parco degli Aironi” è stata luogo ideale per le operazioni radio in quanto ambiente riservato e con tanto spazio per le antenne.